Qui termina sia il suo sondare non figurativo sia le attinenze all'informale, per l'intuizione aniconica non referenziale e non rapportabile ad alcuna "icona" conosciuta, per un nuovo modo di riportarsi al soggetto della pittura che non confronta più con il reale oggettivo. e il racconto acquisisce una grammatica diversa, e diventa pittura tra espressione e filosofia irreale, per una cultura pluralistica là dove molta parte dell'arte contemporanea sta perdendo specificità nell'abisso del concettuale.
A.B.

Anno:

Dimensioni: 36,5x36,5